Lun, Apr 15, 2024

1999

AddThis Social Bookmark Button

 

Appoggio la tazzina nel piattino.

Il caffè fumante miscelato con un goccio di latte,

l'ho bevuto in due e tre sorsi... non rammento.

Il mio sguardo è perso,

i miei occhi intravedono un brulicare di ombre,

un vociare confuso e delle risatine mi giungono

all'udito.

Ma io ho messo a fuoco,  come un obiettivo,

la tv del bar.

Provo un dolore profondo,

le immagini scorrono veloci,

vedo un uomo bruciare, come una torcia.

Ne sento il puzzo acre della carne.....

ascolto il suo immenso dolore...

La gente è sfocata,

non voglio vederne il viso,

mi rifiuto....

e mi rifiuto di sentirne il vociare

e risate sguaiate.

L'uomo scorre inesorabilmente in tv......

e continua a bruciare.

Così come brucia la mia anima.

Allora  mi chiedo …

quanto vale una vita umana?

Un cliente grida..”Siamo i migliori”!!!!

Ora ho capito.....

La vita vale meno di un pallone

che entra in una rete ….

La vita di una giovane mamma

vale meno di quattro piatti...

rotti.....

in una afosa giornata d'estate,

del 1999

 

Alverio Gentile

Aggiungi commento


Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più,clicca su "Approfondisci"

Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.