Lun, Apr 15, 2024

'O FINT' SCARTELLATO

AddThis Social Bookmark Button

             
Stev' là,
sulo comm’a n'anima scunsulata,
dint’o dulore mio.
Niente me jeva cchiù buono,
nisciuno me vuleva sentì,
vedè,
neanche l'ultim' ‘e ll'uommene,
me vuleva parlà.
Purtav' scalogna....
dicevano gli altri:
"chill' nunn'o ra' retta,
ca si sul' ‘o daj a parlà,
bullette o tasse ce stann' ‘a pavà.
Quasi quasi ‘e chesta cosa
me ne stev' cunvincenn' pur' io,
ca quanno me guardav'
dinto ‘o specchio
me pigliava assaie ‘na voglia
e me sputà dint ‘a n'uocchio.
All'intrasatta
nu pensiero
me venette p'e  cervelle.....
Sì me fosse 'nventato nu scartiello?
Allor sì ca m'avessero adorato,,
ammirato,
venerato comma’a 'nu Dio....
E accussì facette....
arravugliaie ‘nu viecchio mantiello
e lo trasformai
comme si fosse stato ‘nu scartiello.
Da quel giorno
uscire fu un piacere,
l'approvazione negli occhi degli altri
poter vedere.
Tornare a casa
contento,
beato,
appagato,
soddisfatto,
e come riporta Svetonio,
quando Cesare
il Rubicone attraversò:
" il dado è tratto",
e ad un tratto lui si addormentò!

Anna Tomeo

Aggiungi commento


Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più,clicca su "Approfondisci"

Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.